Il forex

il-forex

Fare trading online sul Forex significa operare al rialzo o al ribasso sui tassi di cambio che contraddistinguono le coppie di valute. Il tutto, all’interno del mercato più ampio e liquido del mondo, che ogni giorno è scelto da milioni di appassionati trader per la realizzazione delle proprie operazioni di investimento sui cross valutari più gettonati, o su quelli legati a sigle emergenti! Qualche esempio?

La sigla EUR/USD esprime il valore dell’Euro nei confronti del Dollaro Statunitense. Oltre ad essere la coppia valutaria più trattata dai forex traders, tale cross è altresì un “mover” da cui possono dipendere anche le oscillazioni di altre accoppiate come EUR/GBP o EUR/JPY, all’interno di un mercato che ha il primato di muovere una massa di liquidità pari a 3.000 miliardi di dollari al giorno.

L’investimento nella coppia valutaria può naturalmente essere arricchito da una lunga serie di opzioni di personalizzazione della propria strategia di impiego. Tra le principali – e, sicuramente, quella che può rendere maggiormente redditizia la propria operazione di trading – vi è la possibilità di operare sfruttando un effetto leva, che può estendersi anche fino a 1:400 o più (in altri termini, il proprio guadagno o la propria perdita verrà moltiplicato per la leva selezionata).

Naturalmente, considerando che – nonostante la sua facilità di utilizzo – l’investimento sul Forex è un investimento su un vero mercato finanziario, per imparare a fare trading online è, per prima cosa, importante capire come calcolare i potenziali guadagni o le possibili perdite. Nel forex i valori di mercato delle coppie di valute vengono espressi in pips. Un pip (percentage in point) è il più piccolo movimento ottenuto da una coppia di valute o, se preferite, l’equivalente del tick utilizzato in borsa.

il-forex2Solitamente il prezzo di una coppia di monete viene espresso con 5 numeri. Supponendo di operare in acquisto su un mini lotto di 10.000, con un cambio EUR/USD a 1,3501 occorreranno 13.500$, ma sfruttando una leva X 30, in realtà ne basteranno appena 450 circa. Ipotizzando di chiudere l’operazione con un cambio pari a 1,3601, ci sarà una differenza di 0,01 (100 pips) che moltiplicata x 10.000 frutterà un guadagno di 100 $.

Altro fattore molto importante, con il quale sarebbe bene cercare di prendere immediatamente la dovuta confidenza, è il concetto di spread, cioè la differenza tra il prezzo buy (compra) di una coppia di valute e il prezzo sell (vendi). Minore sarà lo spread e più facile sarà aprire e chiudere un’ operazione con profitto.

Ad ogni modo, per muovere i primi passi nel Trading Forex – un mercato apparentemente facile, ma pieno di insidie – il nostro consiglio è quello di aprire un conto presso un broker che offra la possibilità di esercitarsi con un account demo, prima di mettersi in gioco con soldi veri. Puoi trovare una lista di broker seri e affidabili (con licenza europea) su e-investimenti.com, che dal 2006 è il punto di riferimento per i trader sul Forex e sul trading online. Il conto dimostrativo permetterà inoltre non solamente di poter vedere “dal vivo” i risultati delle proprie strategie di investimento, quanto altresì cercare di capire quali siano le caratteristiche della piattaforma di trading che si sta valutando di accendere in versione “reale”.

Ad oggi tutti i principali broker del mondo offrono la possibilità di aprire, in tempi rapidi e senza complicazioni, un proprio conto dimostrativo. Perchè allora non approfittarne, ed effettuare delle buone comparazioni tra più operatori? Una volta presa la giusta consapevolezza con i conti dimostrativi, sarà poi possibile procedere all’apertura di un conto reale. Anche in questo caso, giova ricordare come l’ imbarazzo della scelta sia all’ ordine del giorno per tutti i trader neofiti.

Quale broker scegliere all’ interno del mare di alternative presenti?

miglior broker forex

Per poter rispondere a questa domanda, iniziamo con il ricordare come non esista un broker “migliore” per qualsiasi profilo di utente. Un trader potrebbe pertanto apprezzare notevolmente il broker “A”, ma non trovarsi adeguatamente a suo agio con l’impostazione del broker “B”, o viceversa.

Detto ciò, vi sono comunque alcuni requisiti che un buon broker dovrebbe avere. A cominciare, ad esempio, dall’ampiezza dei “prodotti acquistabili” o, meglio, degli asset negoziabili attraverso i vari contratti sottoscrivibili. Scegliete dunque un broker che non si limiti a garantirvi il solo spot trading sulle principali coppie valutarie, ma ambite a entrare in possesso di un account che possa accontentare anche gli investimenti in valute emergenti, in altri asset extra-Forex, e non solo in acquisto diretto quanto, altresì, in contratti binari & co.

In secondo luogo, cercate di aprire un conto in un broker che possa rispecchiare le vostre preferenze di transato. Alcuni broker sono in grado di offrire un servizio particolarmente avanzato ed esclusivo ma, di contro, necessitano di depositi minimi e/o di importi per singola operazione che potrebbero non rispecchiare le capacità di impiego. A proposito di deposito, ricordate che molti broker offrono dei bonus particolarmente allettanti per il benvenuto: dateci una proficua occhiata, e non limitatevi solamente a comprendere quanto sarà il bonus, bensì in che modo sarà possibile fruirlo (alcuni broker pongono dei limiti particolarmente stringenti).

Naturalmente, altro requisito sarà rappresentato dalla possibilità di usufruire della piattaforma del broker in maniera flessibile: fate dunque in modo di assicurarvi che il vostro browser permetta il trading da postazione fissa o da dispositivo mobile, e che le piattaforme mobili di trading abbiano tutte le caratteristiche che vi servono per poter aprire, gestire e chiudere la posizione in maniera idonea.

Infine, prestate un’ attenta analisi a tutte le opzioni formative e informative. Per esempio, potrebbe essere utile aprire un account all’interno di un broker che abbia una community di trader piuttosto vivace, o che faccia del social trading una delle sue leve principali. Ancora, cercate di preferire tutti quei broker che dispongono di una gamma di informazioni molto aggiornata, sia in ambito didattico (corsi, webinar, ebook, ecc.), sia in ambito di news su analisi tecnica e fondamentale.