Come scoprire se il Trading Coach è veramente un professionista

trading coach

Esistono numerosi seminari che questi sedicenti Trading Coach offrono, e la maggior parte delle volte sono completamente gratis, e voi vi chiederete perché? Perché affittare una sala d’albergo, proiettore, preparare il merchandise e tutto il resto che un seminario concerne, completamente gratis? E’ gratis perché le informazioni che riceverete a questo seminario saranno probabilmente informazioni generaliste e povere di contenuto, che non aumenteranno assolutamente le vostre probabilità di far soldi nei mercati finanziari, ma anche perché ci sarà la cosiddetta “Call To Action” a fine seminario. Molti (quasi tutti) vi proporranno un Coaching a pagamento oppure un’apertura di un account con il loro “Broker raccomandato”, quindi bene o male, gli organizzatori del seminario verranno in qualche modo pagati.

Molti addirittura non hanno alcun materiale aggiuntivo da mostrare dopo la presentazione, ed ecco la doppia fregatura, queste persone vi vogliono far tradare il più presto possibile e con la minor educazione possibile. Anche il contenuto delle presentazioni di questi seminari è spesso e volentieri incentrato al 100% verso l’Analisi Tecnica, in quanto è molto semplice da capire. Non vengono fatte menzioni di libri più corposi quali un qualsiasi libro che parli di Principi di Macroeconomia e Microeconomia, libri che danno un’ottima infarinatura per entrare nel mondo del Trading e della Finanza, iniziando a capire cosa è l’Economia.

Ora non voglio dire che l’Analisi Fondamentale sia più importante dell’Analisi Tecnica, tutte e due hanno il loro peso al variare del contesto. Ma rifletteteci un attimo, fate finta per un attimo di lavorare in Banche di Investimento come Merril Lynch o Hedge Fund come BlackRock, dove durante la giornata, il capo, o i capi del Dipartimento Trading discutono in gruppo con i Trader circa il totale delle posizioni aperte, circa l’esposizione di esse e le aspettative future. Poi eventualmente ci sarà anche un briefing 1-to-1 dove il Trader discuterà con il suo capo riassumendo il motivo per il quale ha aperto quella posizione e perché è certo che è una posizione profittevole.

Immaginate ad essere voi uno di quei trader, con il vostro capo davanti ad ascoltarvi, il quale vi chiede perché avete aperto quella posizione long EURUSD da 50 milioni di euro, a questo punto voi rispondete dicendo: “Ho aperto questa posizione perché l’Oscillatore Stocastico sul daily segnava 18.8, quindi era in zona di ipervenduto”.

Verrete licenziati sul posto se anche solo vi azzarderete a dire metà di questa frase.

Motivare un investimento da 50 milioni di euro per un indicatore tecnico è visto dall’industria professionale come una qualcosa da folli e non di certo un motivo per prendere posizione sul mercato. Gli indicatori tecnici non sono tutto, pensate che addirittura i Trader Professionisti utilizzano i Fondamentali come imput per le loro decisioni, in maniera molto pesante, a volte anche sopra il 70% delle volte, il resto sono Indicatori Tecnici e Price Action che vengono utilizzati maggiormente per affinare l’entri point.

Molti sedicenti Trading Coach, si mettono ad insegnare senza alcun tipo di storico. Come faccio a prendere lezioni da una persona che nemmeno mi dimostra che è un trader di successo da almeno 1-2 anni? Basterebbe anche un conto demo, non necessariamente real. Ma non mi è mai capitato di vedere uno storico di almeno 1-2 anni demo o real che sia da una di queste persone che vendono lezioni, che fanno seminari, che si professano Guru del Trading. Nada, niente. Forse qualche backtest di un indicatore, ma sappiamo benissimo che i backtest non funzionano e gli indicatori anche meno.